Vite al limite, i 10 momenti più tragici che si siano mai vissuti nel programma

Vite al limite (My 600-Lb Life): le dieci scene più drammatiche che si sono viste e vissute durante il programma. Resterete senza parole.

Tutti gli appassionati del programma statunitense Vite al limite, in onda su Real Time, ricorderanno sicuramente le scene più tragiche e drammatiche accadute nello show, ma soprattutto, vissute dai partecipanti, i pazienti del dottore iraniano Nowzaradan. Il medico è specializzato in chirurgia vascolare e in chirurgia bariatrica, mentre suo figlio si occupa della regia e della produzione di Vite al limite, in lingua originale My 600-Lb Life.

vite al limite dott nowzaradan
Vite al limite: i momenti più drammatici del docu-reality – Credits: YouTube – fullmagazine.it

In tutte le stagioni del docu-reality, si sono viste persone con disturbi del comportamento alimentare, sfociati nell’obesità. Questi soggetti hanno deciso di partecipare allo show per farsi aiutare dal medico, il quale prevede dei programmi personalizzati, in base alla salute e alle esigenze del paziente, con l’obiettivo di perdere peso, attraverso diversi metodi, per poi arrivare alla fase finale, ossia, la chirurgia bariatrica.

Tra tutti i pazienti, alcuni hanno terminato il programma con successo, mentre altri hanno abbandonato prima, altri ancora, invece, hanno perso la loro vita. Oggi, vi mostreremo i dieci momenti più tragici, angosciosi e dolorosi accaduti nello show, ma anche nella vita reale dei protagonisti.

Vite al limite: i dieci momenti nefasti che hanno segnato il programma e la vita dei partecipanti

I pazienti del dottor Nowzaradan, sono sottoposti a dei percorsi di cure, che portano loro a subire delle trasformazioni nel loro corpo, ma anche nella loro mente. Il tragitto che intraprendono, insieme al dottore e a tutta la troupe, è sia fisico che mentale, tra craving per il cibo, tentazioni e la difficoltà che si deve fare per cambiare vita.

JB vite al limite
James Bonner, chiamato JB, si è tolto la vita con un colpo di pistola – Credits: YouTube – fullmagazine.it

Adottare uno stile più sano e regolare, per qualcuno che non l’ha mai fatto e ha raggiunto un’età adulta, è molto difficile, perché deve stravolgere tutto sé stesso/a. Oltre alle storie di successo, nel programma sono accaduti momenti davvero tragici, che ora andremo a vedere.

James Bonner, chiamato JB, ha iniziato il suo percorso nella sesta stagione del docu-reality, con un peso di 294 Kg, quasi trecento. La sua personalità positiva irradiava tutti gli episodi in cui era presente, parlando chiaramente delle sue opinioni riguardo al problema dell’obesità, che lo tormentava, e della sua salute mentale.

Terminato il programma, dove ha perso 136 Kg, JB ha continuato ad aprirsi online, condividendo con i suoi follower, nei social network, i suoi pensieri, con lo scopo di aiutare le persone che passano ciò che lui ha passato. Purtroppo, la depressione ha preso il sopravvento, infatti, nell’agosto del 2018, a soli trent’anni, JB si è suicidato, con un colpo di pistola.

Destinee LaShaee fu la prima paziente transgender ad entrare nel programma, nella settima stagione. Si è presentata con un peso di 317 Kg, ma alla fine del programma ha perso oltre duecento kilogrammi, uno dei migliori successi del docu-reality e del dottor Nowzaradan. Tuttavia, proprio come JB, anche Destinee aveva problemi di depressione, così, nel febbraio del 2022, ha perso la vita. Non è mai stato rilasciato pubblicamente il motivo della sua morte.

gina krasley deceduta
Gina Krasley, paziente del dott. Nowzaradan, che ha perso la vita – Credits: YouTube – fullmagazine.it

Gina Krasley arrivò nel docu-reality Vite al limite, nell’ottava stagione. La donna, a causa del suo peso, aveva gravi problemi di mobilità e disturbi alimentari, infatti, sua moglie era diventata la sua badante. Tuttavia, dopo l’operazione, Gina è riuscita a perdere oltre 160 Kg, ma nell’agosto del 2021, purtroppo, la morte ha bussato alla sua porta. La causa del decesso non è mai stata rivelata al pubblico.

Coliesa McMillan, conosciuta come Chalisa, nell’ottava stagione è entrata a far parte dei pazienti del dottor Nowzaradan. Il suo peso era di 290 Kg, che gravava sui suoi già presenti problemi cardiaci, infatti, la donna aveva già avuto un attacco di cuore. Durante il programma ha ammesso di avere una dipendenza dal cibo, ma ha dato il meglio di sé per riprendere in mano la propria vita. Nel mese di settembre, del 2020, Coliesa è deceduta a causa di complicazioni durante l’intervento chirurgico per perdere peso. La donna, a soli quarantuno anni, ha lasciato quattro figli.

morte di james king
James King: un paziente diligente che, purtroppo, è deceduto – Credits: YouTube – fullmagazine.it

James King è entrato a far parte del programma, con un peso che raggiungeva i 358 Kg. Nella quinta stagione, James, è stato un paziente diligente, che ha seguito accuratamente tutte le direttive imposte e consigliate dal dottor Nowzaradan. Nell’aprile del 2020, l’uomo è morto in circostanze sconosciute. Tuttavia, il magazine TMZ, ha rivelato che le cause della morte sono state complicanze di salute, come la cirrosi al fegato e la sepsi.

Kelly Mason è stata la seconda paziente del dottor Nowzaradan, durante il programma Vite al limite, a perdere la vita. Kelly era amata e viene ricordata per il suo episodio commovente ed emozionante, presentandosi con un peso di 336 Kg. La donna non ha mai permesso al suo peso e al suo problema di limitare il suo umore, combattendo sempre con grande gioia. Inoltre, fu una delle poche ad aver un bel rapporto con il medico, che solitamente ha delle discussioni con quasi tutti i pazienti. Nove mesi dopo il suo intervento, Kelly è deceduta a causa di un attacco di cuore, a soli quarantadue anni.

sean milliken decesso
Sean Milliken, paziente di Vite al limite, ha perso la vita – Credits: YouTube – fullmagazine.it

Dopo la morte di sua madre Renee, Sean Milliken non è stato capace di mantenere uno stile di vita sano e salutare, arrivando a pesare oltre i 400 Kg. Tuttavia, con l’aiuto del dottor Nowzaradan, James è riuscito a perdere duecento kilogrammi. L’uomo ha dovuto subire diverse disgrazie, tra cui la perdita della sua causa di Houston, a causa dell’uragano Harvey. Dopo l’intervento, James ha sviluppato un’infezione, che lo ha portato alla morte.

Dopo solo un mese di partecipazione al programma, Lisa Fleming è deceduta all’età di cinquanta anni, durante la sesta stagione di Vite al limite. Lisa aveva raggiunto i trecento Kg, ma è riuscita a perderne novanta durante il suo percorso. La donna ha perso la vita nella sua casa, in Texas, per cause sconosciute.

Robert Buchel è apparso nella sesta stagione del docu-reality, partendo da un peso di 340 Kg e arrivando a 150 Kg. Una storia che, inizialmente, appare di grande successo, eppure, aveva una grande dipendenza da antidolorifici e, con un attacco di cuore, ha terminato la sua vita istantaneamente.

henry foots
Henry Foot, secondo paziente apparso nello show, ha perso la vita – Credits: YouTube – fullmagazine.it

Henry Foots partecipò alla prima stagione di Vite al limite, apparendo come secondo paziente nelle TV di tutto il mondo. Henry perse 110 Kg. Aveva condiviso con il dottor Nowzaradan il motivo del suo obiettivo, ovvero, presentarsi più magro alla reunion delle scuole superiori. Durante una procedura di pelle in eccesso, Henry ha avuto un’esperienza vicina alla morte, ma, nonostante sia sopravvissuto, è deceduto un anno dopo.

Impostazioni privacy